“La fortuna è un fatto di geografia” (Cit.)

Con l’adrenalina del secondo Consiglio Comunale addosso e con le bambine che dormono beate, mi guardo vecchi TED Talk. Ho già visto almeno un paio di volte la storia di TAN LE… ma ogni dannata volta la sua drammatica storia di migrante mi commuove. Tre generazioni di donne (dalla nonna a sua mamma fino a lei e sua sorella) che sfidano la sorte con un viaggio della speranza. Con il desiderio di poter sperare in futuro migliore. 
Ma anche dopo aver toccato la terra ferma, la loro vita non diventa purtroppo migliore. E per anni TAN LE deve lottare per potersi ricavare uno spazio in quella società cosi lontana e così cattiva verso di loro.
Beh, il dramma, la forza, e la potenza di questi dieci minuti mi emozionano e mi scioccano. Almeno quanto i discorsi di soggetti giudicanti, seduti comodi comodi sul loro divano. 
Ps. giusto per la cronaca, TAN LE oggi lavora a progetti di computer interface in grado di leggere le onde celebrali. Cosi, per dire.

“M piacerebbe avere dei bambini e penso all’esperienza della barca. Chi potrebbe mai augurare loro un’esperienza del genere? Ma potrei affidare la loro vita ad un legno, con la prua che combatte contro ogni onda, con il rumore regolare e imperturbabile di un motore, il vasto orizzonte che non dà alcuna garanzia? Non lo so. Ma se avessi la certezza che se la potessero cavare, lo farei.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...